Come identificare un pellet di qualità superiore?

Il pellet, o pellet di legno, è diventato una fonte essenziale di energia rinnovabile per riscaldare in modo ecologico ed economico. Tuttavia non tutti i pellet sono uguali in termini di prestazioni e durata. Allora, come riconoscere un buon pellet? Ecco alcuni criteri da tenere in considerazione per aiutarti a fare la scelta giusta.



Certificazione: garanzia di qualità



Per garantire che il vostro pellet sia di buona qualità è fondamentale verificare che abbia un certificazione riconosciuta. Le certificazioni più conosciute sono lo standard europeo ENplus e lo standard francese NF. Queste etichette garantiscono la conformità del pellet requisiti rigorosi in termini di composizione, potere calorifico, tasso di umidità e ceneri.



Lo standard ENplus



La norma ENplus classifica il pellet in tre categorie:



  1. ENplus A1: si tratta di pellet di alta gamma, destinati ai privati. Il loro livello di umidità è inferiore al 10%, il loro potere calorifico è superiore a 4,6 kWh/kg e il loro contenuto di ceneri è inferiore allo 0,7%.
  2. ENplus A2: questi pellet hanno caratteristiche leggermente inferiori all’A1, ma rimangono di buona qualità.
  3. ENplus B: questi pellet sono destinati ad un uso industriale e non sono adatti all’uso privato.


La norma NF



La norma NF garantisce anche la qualità del pellet, sulla base di criteri simili a quelli della norma ENplus:



  • Potere calorifico superiore a 4,6 kWh/kg
  • Livello di umidità inferiore al 10%
  • Contenuto di ceneri inferiore allo 0,7% per il pellet Premium e all’1,5% per il pellet Standard


Pour en savoir plus

Quale legante scegliere per ottimizzare la qualità del pellet di legno?

IL pellet di legno sono sempre più popolari come fonte di energia rinnovabile ed ecologica. Per garantire le loro prestazioni e la loro durata, è essenziale selezionare il giusto legante durante la loro produzione. In questo articolo vi presenteremo i…

Durezza del pellet: un fattore chiave di prestazione



Un buon pellet dovrebbe essere sufficiente duro e durevole per evitare la decomposizione durante il trasporto, lo stoccaggio e l’uso. Troppa fragilità porta alla produzione di polvere e particelle fini, che possono intasare l’impianto di riscaldamento e comprometterne l’efficienza.



La durezza del pellet è generalmente espressa dal suo indice di durabilità meccanica (MDI), che deve essere superiore al 97,5%. Più alto è questo indice, più i granuli sono solidi e resistono alla manipolazione.



L’origine e la composizione del pellet



Per ottenere un pellet di qualità è importante assicurarsi che sia di provenienza legno pulito e non trattato. I pellet ricavati dai sottoprodotti dell’industria del legno (segatura, trucioli) sono generalmente di qualità migliore rispetto a quelli ricavati dal legno riciclato o dagli scarti vegetali. Anche la provenienza geografica può essere un fattore da considerare, perché influenza le caratteristiche del legno utilizzato, e quindi la qualità del pellet.



Inoltre, controlla il tipo di legante utilizzato per legare insieme le particelle di legno. I migliori pellet si ottengono utilizzando la lignina naturalmente presente nel legno, senza l’aggiunta di additivi chimici.



La dimensione dei pellet



La dimensione del pellet gioca un ruolo essenziale nel suo rendimento energetico. Lo standard ENplus consiglia lunghezza compresa tra 3,15 e 40 mm e uno diametro di 6 o 8 mm. Queste dimensioni consentono una combustione ottimale ed un’alimentazione regolare dell’impianto di riscaldamento.



È importante inoltre che la granulometria (distribuzione delle dimensioni del pellet) sia omogenea, onde evitare variazioni di rendimento e malfunzionamenti della stufa o caldaia a pellet.



Tasso di umidità e potere calorifico



Un buon pellet deve avere un basso tasso di umidità (<10%) ed un alto potere calorifico (>4,6 kWh/kg), che garantisce combustione efficiente e massima efficienza. Un livello di umidità troppo elevato porta ad una riduzione del potere calorifico, nonché ad un aumento della produzione di condensa e ceneri.



Il potere calorifico del pellet dipende anche dalla sua composizione: il pellet di legno tenero (pino, abete) generalmente offre prestazioni migliori rispetto a quello di legno duro (quercia, faggio).



Contenuto di ceneri



La qualità di un pellet, infine, si misura anche dal contenuto di ceneri, che deve essere il più basso possibile (<0,7% per pellet Premium, <1,5% per pellet Standard). Un basso contenuto di ceneri aiuta a ridurre le emissioni inquinanti e gli intasamenti del sistema di riscaldamento, facilitandone al tempo stesso la manutenzione.



In sintesi, per riconoscere un buon pellet è necessario verificarne la certificazione, la durezza, la composizione, le dimensioni, il tasso di umidità, il potere calorifico e il contenuto di ceneri. Non esitate a confrontare le caratteristiche tecniche dei diversi prodotti disponibili sul mercato e a privilegiare i marchi che si sono affermati in termini di qualità e prestazioni.

Lascia un commento